ITALIANO flag   ENGLISH flag
Padiglione Italia
Regione Siciliana
Expo Milano 2015

NEWS


Pubblicata il 16 Ottobre 2015

Distretto Produttivo della pesca di Mazara del Vallo e la Blu Economy sbarcano ad Expo

Dopo Blu Sea Land: Il Distretto Produttivo della pesca di Mazara del Vallo e la Blu Economy sbarcano ad Expo 2015, tre giorni di convegni ed attività educative per spiegare il contributo della filosofia produttiva della Blue Economy applicata dal Distretto Produttivo della Pesca della Sicilia ai temi della Carta di Milano di Expo: come superare la crisi del comparto ittico con l’innovazione applicata, quali politiche comuni con i paesi del bacino Mediterraneo e dell’Africa Sub-sahariana, le nuove frontiere dell’ acquacoltura sostenibile, il pescato sicuro e tracciabile a garanzia del consumatore. Calato il sipario sulla IV dell’evento Blu Sea Land di Mazara del Vallo, che ha visto nelle scorse settimane al lavoro sui temi della blu economy ben 42 delegazioni straniere, è già tutto pronto per il contributo che il COSVAP, Distretto Produttivo della Pesca, porterà nei prossimi giorni ad Expo 2015, nell’ambito della settimana dedicata ai Distretti Siciliani. Convegni, incontri, cooking show, laboratori e proiezioni di video in HD per raccontare il mondo della pesca mediterranea ed il ruolo svolto dalla Sicilia in questi anni a sostegno delle imprese ittiche, la realtà della cooperazione pacifica tra gli equipaggi di pescatori siculo-tunisini, i progetti di innovazione tecnologica e di sostenibilità strategici per l’alimentazione del futuro a fronte della diminuzione degli stock ittici sempre più grave nel mare nostrum. Il programma: Si inizia sabato 17 alle ore 15 con le attività di animazione e degustazioni presso il Padiglione Italia nello spazio convivio 2. Domenica 18 dalle 10 alle 13 presso l’Auditorium del Padiglione Italia, è previsto il convegno e tavola rotonda su “Prodotti ittici, qualità e salute”. Coordinerà i lavori il presidente del Distretto Siciliano della Pesca Giovanni Tumbiolo. Al centro dei lavori, la qualità e la tracciabilità del pescato siciliano con il contributo scientifico dell’Istituto Zooprofilattico Siciliano, l’analisi di best practice raccontate dalla voce dei protagonisti, come quella dell’imprenditore trapanese Nino Castiglione della filiera di trasformazione del tonno, i progetti di l’acquacoltura e qualità delle acque interne siciliane con il contributo degli esperti dell’Università di Palermo, i progetti transfrontalieri nel settore in atto tra Sicilia e Tunisia ed i benefici raggiunti. L’ Istituto IAMC del CNR di Capo Granitola affronterà il tema di come rafforzare la ricerca ed i sistemi di sostenibilità a vantaggio delle aziende del comparto ittico. Dalle 13 in poi le attività si sposteranno presso il Cluster Bio Mediterraneo con show cooking dedicati ai sapori del mare e della terra, a cura del Distretto Siciliano dei Cereali. Lunedi 19 alle 15.30 in Piazzetta Sicilia, ancora spazio dedicato ai Distretti: alle 15.30 verrà presentato al pubblico di Expo il progetto “Nuove Rotte: Blu Economy” (P.O FESR Sicilia 2007/2013- linee di intervento 5.1.1.1 e 5.1.1.2) avviato in Sicilia con fondi europei e che vede numerosi partners scientifici impegnati nell’ innovazione per sostenere lo sviluppo delle imprese della pesca nello sforzo di superare la crisi del settore. Il progetto coinvolge partner pubblici e privati: il Distretto Produttivo della Pesca, l’IAMC-CNR di Torretta Granitola, l’ISA-CNR di Avellino, l’IZS, K2 Innovazione, Bionat, PWC. Obiettivo, sostenere lo sviluppo e il rafforzamento delle imprese aderenti al Distretto Produttivo della Pesca-COSVAP attraverso un "Piano integrato dei servizi comuni” ed un "Piano di investimenti innovativi" per l'utilizzo di nuove tecnologie finalizzati ad innalzare i livelli qualitativi e di sicurezza alimentare dei prodotti e la realizzazione di un “Centro di Certificazione e Prova” per un marchio di qualità del pescato mediterraneo, prodotto ittico fresco e conservato. Alle attività ad Expo del Distretto Pesca parteciperanno alcuni studenti siciliani che hanno realizzato dei video sulla blue economy (saranno proiettati) nell’ambito di un concorso promosso dal Distretto della Pesca. Degustazioni e laboratori di educazione alimentare si terranno contemporaneamente, a partire dalle 15 e sino alle 22 presso lo spazio 2 Convivio del Padiglione Italia. Martedì mattina alle 6 è prevista per gli stessi studenti siciliani una visita di studio guidata al Mercato del pesce di Milano. Il presidente del Distretto della Pesca Siciliano Giovanni Tumbiolo ha spiegato come “Il comparto della pesca nel mondo impegna una forza lavoro di oltre 120 milioni di individui, di cui il 47 % sono donne, per cui mancano serie politiche di tutela e di genere, secondo dati recenti diramati dalla FAO nel corso di Blu Sea Land. Il lavoro di questi anni nel settore dell’innovazione e della Blu Economy portato avanti in Sicilia potrà fornire un concreto contributo ai temi di Expo sul futuro dell’alimentazione. Il modello socio economico della Blu Economy ben si adatta alle nascenti economie del Mediterraneo allargato ed ai paesi africani, un progetto di sviluppo da condividere con i paesi ad economia emergente che include l’idea della sostenibilità ambientale, l’utilizzo di fonti energetiche pulite puntando all’ innovazione dei sistemi di pesca, per ridare impulso a tutta la filiera, dal mare alla trasformazione sino all’ educazione alla salute rivolta al consumatore”.


Tag:
Ultimo Aggiornamento il: 16 Ottobre 2015