ITALIANO flag   ENGLISH flag
Padiglione Italia
Regione Siciliana
Expo Milano 2015

NEWS


Pubblicata il 10 Luglio 2015

Vino siciliano in crescita in Giappone

Un'attenzione verso l'ambiente e la produzione biologica che rappresenta un caso unico a livello nazionale. Un appeal in costante aumento sui mercati di Germania, Giappone e Usa, grazie a un territorio che come pochi altri sa raccontare al consumatore la passione dei viticoltori e la loro storia, puntando sull'enorme attrattività turistica della Sicilia. Sono queste, in sintesi, le certezze di oggi e le sfide di domani per il vino siciliano che sono state tracciate a Expo nel corso del convegno internazionale "A mosaic of wines: past, present and future", organizzato dalla Regione, in collaborazione con gli assessorati all'Agricoltura e alle Attività produttive, con il Consorzio Sicilia Doc e Assovini Sicilia. In platea, accanto a produttori, giornalisti e rappresentanti del trade, anche una delegazione di operatori cinesi, tra cui il vicepresidente dell'associazione per il commercio di vini e liquori, e una di giornalisti americani. Temi principali, la ricerca scientifica, la sostenibilità ambientale, l'evoluzione dei mercati e le nuove strategie di comunicazione. La prima sessione ha evidenziato il ruolo strategico della ricerca per la crescita del "sistema vino Sicilia". L'intervento di Rosario Di Lorenzo,, della facoltà di Agraria dell'università di Palermo, ha delineato l'importanza dell'identità territoriale anche attraverso il recupero di antichi vitigni, mentre Daniele Oliva, dell'Istituto regionale vini e oli di Sicilia, ha relazionato sul ruolo fondamentale dei lieviti durante la fase di vinificazione. Ricerche e studi che, ormai da diversi anni, coinvolgono i diversi attori regionali tra i vari istituti di ricerca, assessorato e produttori, creando una perfetta sinergia. Ad aprire la seconda sessione, Antonio Rallo, presidente del Consorzio di tutela dei vini doc Sicilia e ad di Donnafugata, che ha tracciato un excursus sulla storia millenaria dell'enologia siciliana, per arrivare alla denominazione unica, nata con l'obiettivo di offrire uno strumento in più alle aziende per presentarsi all'estero con un brand unico e rendere più riconoscibile l'enologia regionale. "Stiamo mangiando il pianeta" è invece l'espressione forte con cui Alberto Tasca, dell'azienda Conte Tasca d'Almerita e consigliere di Assovini Sicilia, ha aperto la propria relazione incentrata sul tema dell'ecosostenibilità. Ha però specificato come l'emergenza ambientale che oggi il mondo produttivo sta affrontando possa diventare un'opportunità, a patto che venga utilizzato un approccio multidisciplinare. "La Sicilia - ha illustrato - è la regione più avanzata nel percorso verso l'agricoltura in armonia con l'ambiente: qui la viticoltura biologica rappresenta il 38% di quella nazionale e il 23% dell'energia elettrica utilizzata proviene da fonti rinnovabili. Un percorso iniziato da tempo in Sicilia, dove 7 anni fa è nato SOStain, il primo programma per le cantine teso a promuovere un modello sostenibile e trasparente, basato su parametri oggettivi".


Tag:
Ultimo Aggiornamento il: 10 Luglio 2015