ITALIANO flag   ENGLISH flag
Padiglione Italia
Regione Siciliana
Expo Milano 2015

EXTENDED EXPO


Manfredi Barbera & Figli s.p.a.

Una storia imprenditoriale che tocca tre secoli

 

La famiglia Barbera lavora nella produzione di olio d’oliva dalla fine dell’Ottocento. La storia imprenditoriale della Manfredi Barbera & Figli, intensamente legata alla Sicilia agricola e rurale e alla città di Palermo, è parte integrante della cultura d’impresa di questa terra. Interprete moderno della cultura millenaria della coltivazione dell’olivo in Sicilia, la famiglia Barbera può vantare una lunga e prestigiosa storia aziendale. (Noi siamo l’unico marchio fondato nel 1800 e ancora condotto dalla famiglia. Carapelli, Bertolli non sono più gli originari fondatori… noi si.)

 

 

Gli inizi possono essere fatti risalire al lontano 1888 quando la famiglia Barbera si sposta da Menfi, in provincia d’Agrigento, a San Lorenzo ai colli, nei pressi di Palermo, decidendo di porre la propria residenza in una cascina di caccia del ‘600, già dimora del principe di Buonfornello.

Lorenzo Barbera è il capostipite della famiglia. Avvia la propria azienda agricola giungendo da subito ad ottimi riscontri sul mercato. Nel 1894, da un importante sodalizio con i Florio (una delle dinastie imprenditoriali più potenti e in vista di quel tempo) nasce la società “Oleifici Siciliani”. Da questa data prende inizio la lunga e fortunata storia dell'olio siciliano di qualità nel mondo.

A seguito di prestigiosi riconoscimenti (nel 1900 all'Esposizione Internazionale di Parigi, Lorenzo Barbera vince ben quattro medaglie d'oro e altre due al Grand Prize di Sant Louis negli Stati Uniti) e delle conseguenti richieste del mercato, Lorenzo Barbera incrementa la produzione dell'olio e stringe rapporti commerciali con le aziende agricole confinanti. Nel 1910 il testimone passa al figlio Manfredi senior (nonno dell’attuale titolare) che dà nuovo impulso alla produzione e commercializzazione del prodotto. A lui si devono alcune tra le più innovative e riuscite innovazioni tra cui il primato di aver introdotto nel 1936 – primo nel mondo – la bottiglie di vetro per la vendita dell’olio d’oliva, precedentemente consegnato alla Compagnia di Navigazione Italia in oliere artigianali in vetro di Murano.

 

Negli anni '60 Manfredi mette a punto un'altra novità per il mercato: “l'olio mosto” non filtrato, naturale, così come appena uscito dalla macina, imbottigliato dopo naturale decantazione. Da questo momento in poi l'azienda prende l'attuale denominazione di “Manfredi Barbera & Figli S.p.A.”. Nel frattempo ad affiancare Manfredi senior entra in azienda il giovane figlio Lorenzo detto Renzino, terza generazione della famiglia. A lui, poeta eccellente, ma dal solido legame con la terra e le tradizioni, si devono le lungimiranti scelte nel marketing e nella comunicazione.

Presente e Futuro – Gli albori della quinta generazione

 

La storia della famiglia Barbera ci porta fino ad oggi, e vede protagonista Manfredi Barbera, rappresentante della quarta generazione di questa storica famiglia dell’olio d’oliva della Sicilia che, da oltre vent’anni, conduce con passione ed intuito l'azienda, coniugando l’amore per la tradizione con l’apertura a tutte le opportunità offerte dalla tecnologia moderna. Tendendo principalmente al perfezionamento della qualità dell’olio ed alla internazionalizzazione dell’azienda, sono sue le vincenti intuizioni sulla diversificazione dei prodotti e sull'accattivante ed originale appeal del packaging: al figlio Lorenzo, quinta generazione, di appena sette anni, dedica il primo olio denocciolato.

“Le sfide poste dal mercato non finiscono nemmeno per un’azienda storica come la nostra – assicura Manfredi Barbera – e ancora oggi l’obiettivo deve essere quello di presentarsi con la stessa capacità imprenditoriale, nel produrre qualità e innovazione, appartenuta alle generazioni che ci hanno preceduto. E’ una grande responsabilità produrre olio d’oliva in Sicilia, una regione dove – continua – grazie alle fortunate cultivar della Nocellara del Belice e del Biancolilla, al clima favorevole e alla cultura millenaria dell’olio d’oliva, la prospettiva per il futuro non può che essere quella che punta al miglioramento. Oggi, una delle sfide primarie del nostro futuro – conclude – è quella di riuscire ad informare il consumatore, italiano e straniero, su tutte le eccelse qualità salutistiche e nutrizionali che tra gli oli, solo l’extra vergine d’oliva possiede. La cultura alimentare sta volgendo al meglio e artefice importante di questo cambiamento, portatore di gusto e salute, non può che essere l’olio d’oliva extra vergine.”

Il territorio riveste un ‘importanza fondamentale. Infatti, nasce nel 2001 il Consorzio degli Oleifici Siciliani, da una strategica unione tra la ” Manfredi Barbera & Figli S.p.A.”, l’“Associazione Palermitana Olivicoltori” ed il “Consorzio dell’Olio Sicano”.
Questo importante accordo di filiera riunisce i principali attori dell’olio di oliva siciliano rendendo possibile un filo diretto dal produttore al consumatore. Nel Consorzio confluiscono più di 10.000 olivicoltori dei quali il 40% associati alla Palermitana Olivicoltori, un altro 40% al Consorzio dell’Olio Sicano e il restante 20% già conferente della Manfredi Barbera & Figli S.p.A.
Le olive vengono indirizzate ad un network che conta oltre venticinque frantoi dislocati prevalentemente nelle province di Palermo, Agrigento e Trapani. 
Il prodotto finito viene stoccato in quattro centri di ammasso ed infine confezionato in tre stabilimenti siti prevalentemente a Custonaci e Palermo.

. Gli obiettivi del consorzio sono quelli di creare coesione tra gli attori della filiera olivicola/olearia siciliana, produrre prodotti di altissima qualità a prezzi contenuti (garantiti dalle certificazioni più importanti), concertare al meglio le iniziative comuni per lo svolgimento di tutta la produzione e proporsi come copaker al mondo della distribuzione, soprattutto sui prodotti ad alto valore aggiunto come gli oli biologici e a denominazione di origine protetta.

L’azienda oggi ha sede a Palermo ma la struttura produttiva è composta dallo stabilimento principale di Custonaci (Trapani) dove avviene produzione e confezionamento di tutti i prodotti e di quelli provenienti dalla zona Dop Valli Trapanasi e dallo stabilimento di Ribera, (Agrigento) in cui viene prodotto e confezionato solamente prodotto Dop Val di Mazara.

A Custonaci sorge un frantoio sperimentale di grande rilievo tecnologico, unico al mondo perché lavora su quattro frangitoi in parallelo. Nessun’altra azienda al mondo può vantare quattro diversi sistemi di molitura delle olive: frangitura a dischi, a martelli, a rulli di pietra contrapposti e denocciolatura. Un impianto completamente rivoluzionario che fa della sperimentazione il suo obbiettivo principale e dalla sperimentazione nasce il primo olio denocciolato, “Lorenzo n° 5”, dedicato al figlio Lorenzo di appena 7 anni, quinta generazione della famiglia.

L’impianto produttivo dello stabilimento di Custonaci si sviluppa su una superficie di 50.000 mq, di cui 5.000 coperti. L’impianto produttivo dello stabilimento di Ribera si sviluppa su una superficie di 20.000 mq, di cui 2.000 coperti.

La produzione avviene dunque grazie ai due consorzi di agricoltori e frantoiani di cui siamo capofila, OLEIFICI SICILIANI e COFIOL e in parte grazie al frantoio sperimentale (di cui sopra).

COFIOL (consorzio di filiera olivicola) conta 100 aziende iscritte di cui una che confeziona olio Barbera, oltre 30 frantoi e 70 aziende agricole con un indotto di altri 5.000 produttori olivicoli.

Tra i progetti in cantiere c’è l’istituzione di un museo degli Ulivi siciliani, realizzato in collaborazione con il dipartimento di Colture arboree dell’Università degli studi di Palermo. Altro aspetto importante curato nel progetto “Custonaci” è quello di dar vita ad una “Guest House”, una piccola foresteria in cui ospitare operatori internazionali, al massimo dodici persone, e in cui realizzare stages di cucina siciliana dove possa essere esaltato il valore organolettico, salutistico e nutrizionale dell’olio extra vergine d’oliva siciliano. “L’obiettivo – spiega Barbera – è di promuovere una formazione più attenta alla cultura dell’olio e al suo utilizzo nella ristorazione più preparata, in modo da poter dare l’opportunità di apprendere anche i rudimenti della cucina siciliana e di svilupparne una sua internazionalizzazione. In pratica, alla fine del Master Class gli chef saranno chiamati a riprodurre un piatto tipico siciliano nella sua versione tradizionale, ma anche realizzare lo stesso piatto in una variante internazionale. In questo modo – conclude Manfredi Barbera - ci si potrà avvicinare al palato e al gusto di tutte le popolazioni utilizzando, allo stesso tempo, le nostre materie prime come per esempio, l’olio di oliva”.

E’ inoltre in atto un protocollo d’intesa con l’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia su un progetto di ricerca e sperimentazione sulle cultivar siciliane autoctone.

certificazioni:

Sia gli stabilimenti che la produzione sono garantiti dalle più importanti certificazioni: ISO 9001ISO 22000, BRC certificate (British Retail Consortium)IFS Certificate (International Food standards) e Kosher Technical Consultants.

 

L’olio Barbera viene esportato in oltre 35 paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Inghilterra, Irlanda, Olanda, Polonia, Islanda, Svezia, Svizzera, Ungheria, Lettonia, Libano, Lituania, Repubblica Ceca, Emirati Arabi, Arabia Saudita, Libano, Cina, Hong Kong, Taiwan, Giappone, Singapore, Thailandia, Russia, Usa, Canada, Australia, Messico e Brasile e inizia a guardare anche ai mercati di Sudafrica e India.

Barbera offre ai consumatori un ampia gamma di prodotti capaci di accontentare diversi tipi di esigenze. Per ottenere il nostro olio scegliamo i futti migliori, quelli più freschi e il risultato è un olio a bassa acidità, ricco in polifenoli e vitamine, dall'alto valore nutrizionale e dal gusto fragrante. L’olio rappresenta uno degli ingredienti fondamentali nella cucina della tradizione,

un elemento essenziale della Dieta Mediterranea, di indiscusso valore nutrizionale per la composizione chimica e le caratteristiche organolettiche esaltate dal suo impiego come condimento.

Attenzione al pack design, eccellente qualità dei prodotti anche nelle gamme medie. Ottimo rapporto qualità prezzo.


I nostri obiettivi

  • Creare coesione tra gli attori della filiera olivicola – olearia siciliana.

  • Produrre prodotti di altissima qualità a prezzi contenuti, ottenuti ed imbottigliati seguendo i più alti standards qualitativi ed igienico-alimentari, garantiti dalle certificazioni più importanti

  • Concertare al meglio le iniziative comuni per lo svolgimento di tutta la produzione commercializzando e distribuendo alcuni tra i più prestigiosi marchi del settore oleario italiano: Proporci come copacker al mondo della distribuzione, soprattutto sui prodotti ad alto valore aggiunto come gli oli biologici e a denominazione di origine protetta

 

Citazioni e slogan dell’azienda:

  • “Per fare un olio come il mio è necessario prima scegliere gli uomini, poi i terreni e poi le olive”

  • “Il settimo giorno dio si riposò, e lieto di aver creato il mondo lo prese tra le mani e lo baciò. Li dove pose le sue labbra è la Sicilia” cit. Renzino Barbera (LORENZO n. 3)

  • “Mio padre Renzino (LORENZO n. 3) attore, comico, poeta, non ha avuto un ruolo importante come imprenditore però era un creativo, espressione della sicilianità degli anni 70/80; non ha insegnato il lavoro dell’olio ma ha insegnato il “lavoro della vita” 





Contatti
Email: antonino.giglio@oliobarbera.com
Telefono: 091582900
Sito Web: www.oliobarbera.it

Social
Facebook: https://www.facebook.com/oliobarbera


Tag: